lunedì 27 marzo 2017

Recensione "Angela" di Roberto Ferrari

Titolo: Angela. Storia di un fantasma nell'aldilà..di ogni ragionevole dubbio
Autore: Roberto Ferrari
Editore: Montecovello
Anno: 2015
Pagine: 288


Trama


Esiste veramente, al di là della nostra comprensione un mondo parallelo del tutto inesplorato dall’uomo? Esistono davvero i fantasmi? Eppure ognuno di noi ha almeno una storia da raccontare, o per averla vissuta e per averla sentita narrare. Questo libro riporta fedelmente episodi realmente accaduti descritti accuratamente in una sequenza temporale come racconti di un diario personale, e narrano la storia di un fantasma di una bambina che si manifesterà in un’incredibile successione di fenomeni. Questo volume però, nonostante riporti una considerevole serie di fatti misteriosi e inesplicabili, non vuole essere il classico libro di fantasmi, bensì l’analisi approfondita di un percorso di avvenimenti che metteranno a confronto fede e scetticismo, un percorso interiore di ricerca della verità. Questa è la mia storia, la storia di uno scettico che racconta di un fantasma arrivato… “dall’aldilà…di ogni ragionevole dubbio.”

Recensione


Ho acquistato "Angela" durante un meeting con la casa editrice MonteCovello perchè attratta dall'argomento trattato. Sono sempre stata attirata da questi temi fin da piccola perchè sono cresciuta in un piccolo paesino della Puglia (il paese di mia madre) dove la mia bisnonna e mia nonna mi raccontavano sempre storie realmente accadute che mi affascinavano totalmente.

Divenuta grande ho continuato a credere a quelle storie, perchè comunque mi venivano raccontate da persone di cui mi fido ciecamente, ma soprattutto perchè alcune di queste hanno proprio del miracoloso, ma non mi sembra il caso di soffermarmi su questo anche perchè sono cose abbastanza personali.


Tornando al libro, posso dirvi che mi è piaciuto molto. Non vengono soltanto narrati uno dopo l'altro misteriosi eventi accaduti alla famiglia di Roberto Ferrari, ma per ogni cosa verificatasi l'autore cerca di trovare una spiegazione razionale. Egli, infatti, è sempre stato scettico riguardo a questi argomenti e diciamo che è stato spiazzato da tutto ciò che gli è accaduto, perchè ad un certo punto è diventato veramente difficile trovare delle spiegazioni plausibili. Il suo libro, come dice lui stesso, non vuole convincere nessuno riguardo l'esistenza dei fantasmi, ma vuole che ognuno sia libero di credere o meno a quello che lui scrive.

Se siete affascinati dal mondo del soprannaturale vi consiglio di leggere questo libro, ma vi consiglio anche di non leggerlo di notte se siete facilmente suggestionabili :D

Inoltre, cosa molto importante, verso la fine del libro troverete anche la testimonianza del Ghost Hunters Team di Mistero, nota trasmissione televisiva che tratta tematiche riguardanti esoterismo, ufologia, fantasmi, ecc.. 
Roberto Ferrari, infatti, inizialmente dubbioso, alla fine ha deciso di rivolgersi a loro, dopo essersi documentato sulla loro professionalità.



lunedì 20 marzo 2017

Valentina Bindi autrice di "Il profumo della passione"

Valentina Bindi autrice di "Il profumo della passione"


Biografia Autrice


Valentina Bindi coltiva la passione da quando era molto piccola, si inventava e raccontava storie di tutti i tipi passando a racconti scritti brevi e storie lunghe che leggeva ai familiari. Ha sempre scritto, è stata ed è la sua più grande passione e benché fosse piccola era già attratta da quel mondo. In seguito ha iniziato a comprare agende e a riempirle di frasi e qualsiasi cosa le venisse in mente. Il suo romanzo Quando L’Amore Fa Male è giunto in finale al concorso “ilmioesordio2015”, ricevendo molte attenzioni. Ha pubblicato ad Aprile 2016 con la CE 96, rue de-La-Fontaine edizioni le poesie e a Maggio 2016 il romanzo "Stesa sulla paglia umida dell'amore" con la C.E. Eve Edizioni. Nel 2016 è arrivata di nuovo finalista al concorso "ilmioesordio2016" con ben tre romanzi (Il Profumo Della Passione, Quando L'Amore Fa Male e Le Parole Che Sussurrano Le Stelle) e una raccolta di poesie (Cosa Ascolti Nell'Aria?). Ha ricevuto molte attenzioni sui vari blog, a qualche radio (Radio Selfie e Radio Subasio) e ha ricevuto molte recensioni per i singoli romanzi.


Il libro: Il Profumo della Passione



"«Se ascolto il mio istinto lo farai anche tu?»" 

Cosa potrebbe succedere, quando due conoscenti, finiranno con il desiderarsi talmente tanto, da non lasciar spazio ai pensieri? Questo è l'amore. Concedersi, senza ragioni e senza ripensamenti. Perché l'amore deve essere tale e non forzato. Carmela lo sa bene, vive a Palermo con il suo fidanzato Roberto e ben presto faranno una vacanza a Mondello. Come si sa, le cose non restano mai sempre uguali e soprattutto quando ci sono nuove persone che entrano a far parte della quotidianità tutto può cambiare ed essere messo in discussione, se le basi non sono poi così solide. Perché è questo l’amore; è fatto di sentimento reciproco, di gelosia, di passione e di sacrificio, ma anche di una faccia brutta e crudele quale il tradimento, le bugie e il dolore stesso.



Pagina Instagram Libro: @ilprofumodellapassione

Pagina Instagram Autrice: @valentinabindi90

Pagina Facebook: Valentina Bindi



venerdì 17 marzo 2017

Recensione "Ho sposato una vegana" di Fausto Brizzi


Titolo: Ho sposato una vegana
Autore: Fausto Brizzi
Editore: Einaudi
Anno: 2016
Pagine: 130


Trama


Sposare una vegana ha conseguenze imprevedibili. Puoi ritrovarti a brucare l'erba da un vaso sul terrazzo, e sentirti in colpa per tutte le telline mangiate nella tua "crudele" vita precedente. Seguire questa dieta, scopri inoltre, comporta un grande dispendio di energie e - chissà perché? - di denaro. Roba da diventare nervosi per davvero, ancor più quando, dopo mesi di torture, con sorpresa e quasi fastidio, sei costretto ad ammettere che i tuoi esami medici sono, per la prima volta, perfetti. A ogni modo, la storia di Fausto e Claudia ha un lieto fine, nel senso che Claudia vince (stravince, sarebbe più corretto dire) e Fausto si arrende (senza nemmeno l'onore delle armi). Le cose vanno bene. Solo che, proprio sui titoli di coda, spunta una complicazione: l'imminente arrivo di una figlia. Avrà cuore, Fausto, di farne un'erbivora fin dalla nascita?


Recensione


Chi mi conosce può ben capire perchè volevo leggere questo libro :D 

L'ho acquistato, infatti, semplicemente perchè io ho uno stile di vita prevalentemente vegan, non sapevo nemmeno che l'autore fosse lo sceneggiatore di famosi film, come Notte prima degli esami, Ex, Questa notte è ancora nostra, ecc...

La storia (vera) è tutta incentrata su Fausto che cerca di corteggiare Claudia, una donna vegana. Inizialmente, Fausto non è a conoscenza di questo suo stile di vita e al loro primo appuntamento la porta in un bel ristorante specializzato in "carne". Nonostante tutta una serie di gaffe, i due continueranno a vedersi e per Fausto sarà davvero dura affrontare la relazione perchè Claudia è molto autoritaria, a mio avviso, e non gli lascia respiro.

Il libro a me è piaciuto tantissimo, è pieno di ironia e non ho smesso un attimo di ridere mentre proseguivo nella lettura. Si legge in poche ore, primo perchè è formato da sole 130 pagine e secondo perchè è divertente, leggero e si fa leggere tutto d'un fiato.


Nonostante mi sia piaciuto e nonostante io professi uno stile di vita vegan (ho un blog apposito dedicato all'argomento), non condivido assolutamente tutto ciò che ha fatto Claudia che costringe Fausto a mangiare in modo vegano e addirittura crudista soltanto per il suo egoismo, a mio parere, visto che nel libro è scritto che lei vuole che il suo compagno mangi in modo sano affinchè non muoia prima di lui!

Non si possono fare pressioni estenuanti su una persona affinchè si alimenti nello stesso modo in cui lo fai tu! Io sono sempre stata per il "vivi e lascia e vivere" ed anche in questo caso mi comporto seguendo lo stesso principio. Ognuno è libero di mangiare quel che vuole e di fare della propria vita ciò che vuole. Se io sono vegana non per forza deve esserlo anche il mio compagno, sicuramente cercherò di farlo mangiare meglio (visto che cucino io), ma finisce lì e se lui vuole mangiare altro amen!

Mi fermo qui perchè questo è un argomento che io amo e quindi potrei continuare a scrivere per due ore o più, ma risulterei noiosa alla fine :D

Se voi lo avete letto fatemi sapere cosa ne pensate!

lunedì 13 marzo 2017

Recensione "Cronache del Mondo Emerso" (la trilogia completa) di Licia Troisi

Titolo: Cronache del Mondo Emerso (la trilogia completa)
Autore: Licia Troisi
Editore: Mondadori
Anno: 2006
Pagine: 1291


Trama


La speranza di pace di un intero mondo è legata al suo destino, ma Nihal della Torre di Salazar non l'avrebbe mai immaginato. Grandi occhi viola, orecchie appuntite, capelli blu e un'incredibile forza e agilità, Nihal sceglie di diventare un guerriero quando il feroce Tiranno e le sue armate di mostri e spiriti attaccano la Terra del Vento. Per salvare il Mondo Emerso dalla distruzione, Nihal affronterà legioni di agghiaccianti nemici, cavalieri su dorso di drago e i mille pericoli della ricerca di un talismano dai poteri infiniti, ma dovrà ridurre al silenzio anche i fantasmi che tormentano la sua mente. Mentre la battaglia imperversa, sempre a un soffio dalla morte e a un passo dalla vittoria, Nihal potrà contare solo su due validi alleati: Sennar, il giovane mago alla ricerca del perduto Mondo Sommerso, e la sua infallibile spada di cristallo nero.

Recensione


Quando ho iniziato a leggere il primo volume di "Cronache del Mondo Emerso" stavo quasi per restare delusa. Questo perchè lo stile di scrittura è davvero semplice, infatti, è comunque un romanzo dedicato agli adolescenti. Tuttavia, andando avanti nella lettura, sono stata completamente catapultata nel mondo di Nihal e probabilmente lo stile dell'autrice ha contribuito a ciò. Se, ad esempio, ci fossero state lunghe descrizioni dei paesaggi o dei personaggi, penso che la lettura sarebbe stata più noiosa e meno scorrevole.


Nihal è una mezzelfo, l'ultima rimasta dopo la strage compiuta per ordine del Tiranno. Cresciuta con un armaiolo, Livon, ama giocare con suoi amici sfidandoli a combattere, ma il suo sogno più grande è quello di diventare un vero guerriero, nonostante non sia un uomo. Quando, per la prima volta, viene battuta da Sennar, un mago apprendista (diciamo così), decide di voler imparare anche lei la magia. A malincuore Livon la lascia partire. 
Quando la Terra del Vento viene attaccata dal Tiranno per Nihal cambierà tutto e scoprirà anche le sue vere origini. Inizierà così il suo percorso per diventare un vero guerriero e nelle sue future missioni sarà sempre Sennar, il maghetto che inizialmente non poteva vedere, che le starà accanto.

La trama è molto semplice, per nulla intricata, ma la storia ti coinvolge totalmente e non riesci a posare il libro perchè vuoi vedere come andrà a finire. Ho passato nottate a leggere, una cosa che non mi capitava da molto, quindi questo vuol dire solo una cosa: il libro merita di essere letto.
Inoltre, anche se non ci sono grandi descrizioni (cosa che tra l'altro io preferisco), l'autrice compensa il tutto soffermandosi molto sull'aspetto interiore dei personaggi. Partendo dal primo libro e terminando con il terzo, affrontiamo la crescita della protagonista che non è la solita eroina perfettina, ma sbaglia e ha la forza di rialzarsi. E questi aspetti vengono affrontatati anche in altri personaggi, ad esempio l'autrice fa notare come anche gli adulti possono sbagliare.

Per concludere, se amate i fantasy e l'avventura, vi consiglio assolutamente di leggerlo.


lunedì 6 marzo 2017

Graece Bennardo autrice di "Mirar - Il gatto magico arrivato dal cielo"

Graece Bennardo autrice di "Mirar - Il gatto magico arrivato dal cielo"


Biografia Autrice


Graece Bennardo nasce il 21 Maggio 1988, sotto il segno zodiacale dei gemelli, dalla forte personalità dualistica e poliedrica. Ha trascorso gran parte della sua infanzia in Emilia Romagna, maggiormente nella città di Parma, tanto cara al suo cuore. Amante della Lettura, delle culture straniere, filosofia, astrologia e cucina. È Spiritualista, Angelologa ed Angel Coach. Ha affinato le sue doti intuitive presso l'istituto americano Angel Therapy di Doreen Virtue, massima esponente mondiale degli Angeli. Si occupa di meditazione e canalizzazione Angelica, letture Angeliche, percorsi karmici, coach per bambini e ragazzi, coach di coppia e coach per donne in cerca di se stesse, della propria femminilità e sensualità. La passione per la scrittura prende il sopravvento all'età di dieci anni, tanto che scrisse la sua prima poesia. Nel 2013 esordisce con la silloge di poesie "L'alba di un nuovo giorno", Serarcangeli Edizioni, nello stesso anno vince il concorso letterario Edizione Galassia Arte con la poesia "Settembre al Sole". Nell’anno 2014 vince il secondo concorso letterario Edizione Galassia Arte con l'aforisma "Tra le cose che hai". Nell’anno 2015 pubblica con la casa Editrice Poeti e Poesie di Elio Pecora, per la collana "Riflessi", 7 poesie inedite recitate in traccia audio, tra le quali spicca la suggestiva poesia, "Oro negli Occhi", sempre nello stesso anno vince il concorso letterario "Il Canto della Fata", Editore L'Argolibro con la favola "Il magico amore di Shirley". Nell’anno 2016 vince la seconda edizione del concorso letterario "Il Canto della Fata", Editore L'Argolibro con le due opere inedite; una poesia "Ali di Fata Blu", e una favola "La magica fata e l'acqua lunare" e pubblica in self-publishing il racconto, "Graffiami la pelle non sfiorarmi il cuore".


Il libro: Mirar - Il gatto magico arrivato dal cielo 


RACCONTO BREVE - Tratto da una storia vera 

Uscito il 4 Marzo 2017!


Questa storia racconta la verità mistica, spirituale connessa agli Angeli, alla figura dell'Angelologa, Angel Coach Graece Bennardo, che ha vissuto in prima persona insieme alla sua famiglia. E' la storia di un gatto europeo speciale, arrivato per caso in una calda estate, scomparso a causa di una malattia congenita e "ritornato" nel mondo terreno con il nome di MIRAR. Perché per elevarsi spiritualmente bisogna prima di tutto Credere e lasciarsi andare al di là della verità terrena. Bisogna guardare oltre, affinché anche i piccoli miracoli possano accadere sorprendendoci.  (Questa Testimonianza è riportata in breve anche sul sito Aiconfinidellanima.com e all'interno del numero de "Il Mio Angelo", N.8, Marzo/Aprile 2017, acquistabile nelle edicole). 



giovedì 2 marzo 2017

Recensione "Indagini senza indizi" di Massimo Lugli

Titolo: Indagini senza indizi
Autore: Massimo Lugli
Editore: Newton Compton
Anno: 2015
Pagine: 512


Trama


Tre omicidi che non sembrano collegati tra loro e il ritrovamento di un cadavere sulla spiaggia: due casi complicati per il vicequestore Marcello Mastrantonio. Gruppi di bambini che combattono una guerra feroce per la sopravvivenza in uno scenario urbano che sembra apocalittico. La vacanza esotica di due coppie nell'arcipelago malese si trasforma in incubo dopo un naufragio, che li costringerà ad affrontare una minaccia che sembra arrivare dalla preistoria. L'omicidio di un pregiudicato a Capodanno: un regolamento di conti o uno scenario molto più inquietante?

Recensione


Ci ho messo un pò per decidermi a leggere questo libro, perchè sinceramente non mi ispirava granchè. Me lo avevano regalato i miei genitori almeno un anno fa, ma forse anche di più e hanno preso diciamo un libro a caso visto che loro non sono amanti della lettura e non sanno neanche qual è il mio genere preferito (anche se io leggo un pò di tutto in realtà).


Dopo aver iniziato a leggere il primo racconto mi sono amaramente pentita di non averlo fatto prima!

In "L'istinto del lupo" troviamo Lapo che è un ragazzino appartenente a una famiglia benestante. A scuola subisce le angherie di alcuni bulletti che gli rubano sempre la merenda fin quando "Lapo" diventerà "Lupo" e gliela farà pagare cara. La sua trasformazione avverrà grazie all'incontro con Tamoa, un barbone. con il quale inizierà a passare sempre più tempo e che gli insegnerà a difendersi o, forse, sarebbe meglio dire a uccidere.
Nel secondo racconto, "La legge di lupo solitario", c'è sempre Lupo come protagonista che ormai è diventato un barbone a tutti gli effetti ed è rispettato e temuto da tutti.

Nel terzo e nel sesto racconto, rispettivamente "La lama del rasoio" e "Mutt e Jeff", il vicequestore Marcello Mastrantonio è alla prese con dei casi di omicidio che puntualmente avvengono in estate poco prima delle sue vacanze. Questi due probabilmente sono i racconti che io assocerei maggiormente al genere giallo.

Il quarto racconto, "Sangue color ruggine", è quello che mi è piaciuto di meno. Tutti questi racconti si possono trovare anche singolarmente e ho visto che sulla copertina di Sangue color ruggine c'è scritto "thriller". Secondo me del thriller ha ben poco, per non dire niente. E' un brevissimo racconto ambientato in una città svuotata (non si capisce bene per cosa), che ha come personaggi dei bambini che si sono riuniti in gruppi per riuscire a sopravvivere.



"Non tornerete a casa" è un altro brevissimo racconto in cui due coppie, che vengono lasciate in mare aperto, cercano di sopravvivere nuotando e cercando terra, Nonostante il racconto sia davvero molto breve ha un ritmo incalzante e avvincente che mi ha appassionato parecchio.

Infine, in  "Spari di mezzanotte" troviamo Bruno Cavallone che viene interrotto nel bel mezzo degli spari di mezzanotte da una telefonata che gli annuncia un omicidio. Nonostante sia una storiella carina, il fatto che l'autore racconti il tutto in terza persona (a differenza degli altri racconti) secondo me stona un pò con il resto del libro.

Tra tutti, comunque, devo dirvi che i miei preferiti sono stati assolutamente i primi due racconti ovvero quelli che hanno per protagonista "Lupo". Non sono proprio dei gialli, ma secondo me sono scritti in maniera perfetta. Ho adorato il protagonista, mi è piaciuto tantissimo come lo scrittore lo ha fatto crescere, ma soprattutto mi sono piaciute le ambientazioni scelte che non avevo mai trovato in un libro. E' un'opera che ho letto velocemente perchè nel complesso mi ha coinvolto totalmente e quindi ve lo consiglio assolutamente.