Video sul canale

domenica 18 dicembre 2016

Recensione "Emma" di Jane Austen

Titolo: Emma


Autore: Jane Austen


Editore: Newton Compton


Anno: 2015


Pagine: 411








Trama


Ereditiera giovane, bella e un po' viziata, sola e intelligente, Emma Woodhouse si impegna combinando matrimoni di amici e parenti senza pensare affatto al proprio. Ma la realtà e l'immaginazione si fondono nella sua mente e la comunicazione con il prossimo diventa difficile: tra la protagonista e gli altri personaggi nascono così una serie di fraintendimenti, quasi una "commedia degli equivoci". In fondo "Emma" si rivela una divertente e implacabile satira di ogni pretesa di affidarsi ciecamente al raziocinio. 

Recensione


Era da tempo che volevo leggere "Emma" di Jane Austen e nonostante attendesse il suo momento nella mia libreria non mi decidevo mai a prenderlo perchè ho sempre paura di trovare noiosi i classici, cosa che alla fine non succede quasi mai.
Anche stavolta, infatti, questo romanzo non mi ha delusa per niente, anzi l'ho trovato a dir poco fantastico! 

Purtroppo, prima di iniziare la lettura del romanzo vero e proprio, ho letto la presentazione iniziale dell'autrice. E dico purtroppo perchè leggendo la presentazione si scoprono eventi della storia narrata che io avrei preferito non sapere, quindi, se ancora non lo avete letto, io vi consiglio di saltare la presentazione.

La protagonista di questa storia ambientata nel periodo sette-ottocentesco è Emma Woodhouse, come avrete capito, un'altra eroina femminile per la Austen di cui avevo letto solo "Orgoglio e Pregiudizio" (che ho adorato), ma dopo aver letto anche questo libro ho inserito nella mia wishlist tutti i suoi romanzi :D


Emma è una giovane ereditiera che abita insieme al padre, un uomo che ho trovato alquanto noioso e rompiscatole perchè è sempre lì a lamentarsi, a non voler andare da nessuna parte, a voler tenere con sè le sue figlie, a preoccuparsi di malanni senza ragione, ecc. ecc..
La ragazza è comunque molto affezionata al padre e lo spalleggia spesso soprattutto riguardo al fatto che lei non si sposerà mai. La sua occupazione principale, infatti, è quella di combinare matrimoni, ma solo quelli di altre persone. Grazie a questo suo passatempo ci troviamo ad assistere a tutta una serie di fraintendimenti tra i vari protagonisti che io ho trovato veramente fantastici.

In molti trovano Emma alquanto antipatica, ma dal mio punto di vista, se in alcune parti può risultar tale, in altre è una gran brava ragazza, molto generosa e attenta ai bisogni degli altri. 

La Austen descrive perfettamente tutti i suoi personaggi e il paesaggio in cui li colloca tanto che durante la lettura, che tra l'altro scorre velocemente, vi sentite trasportati completamente in quell'epoca. 

Concludendo, è un romanzo che ho amato sin da subito, che rileggerei molto volentieri e che consiglio a tutti di leggere!

Nessun commento:

Posta un commento

Sono felice che tu abbia deciso di lasciare un commento :)