Ultime Recensioni

Video sul canale

lunedì 8 maggio 2017

Recensione "Uno" di Richard Bach

Titolo: Uno
Autore: Richard Bach
Editore: Rizzoli
Pagine: 212
Anno: 1998


Trama


E se potessimo incontrare noi stessi come eravamo vent'anni fa o come saremo in futuro? Sul filo dell'allegoria e di una sofisticatissima, inesauribile capacità inventiva, "Uno" ci conduce in un infinito numero di mondi dove non esistono né lo spazio né il tempo, alla ricerca di tutto ciò che saremmo potuti essere e non siamo stati, di ciò che siamo e non potremo essere.

Recensione


Ero veramente indecisa sul fare o meno questa recensione, perchè il libro "Uno" di Richard Bach non mi è piaciuto per nulla. Alla fine ho deciso di farla perchè è comunque un libro che ho letto, anche se con molta fatica, e volevo darvi il mio parere in proposito. Sarò molto breve perchè ho ben poco da dire.


Partiamo dal fatto che Richard Bach è l'autore del famoso libro "Il gabbiano Jonathan Livingston", che ho letto tempo fa, ma che non mi aveva fatto impazzire. Prima di leggere "Uno", ho iniziato "Un ponte sull'eternità", sempre dello stesso autore, ma dopo le prima due pagine ho deciso assolutamente di abbandonarlo, cosa che non faccio quasi mai. Per togliermi il pensiero, visto che lo avevo in libreria,  ho deciso di leggere "Uno" e inizialmente ero quasi tentata di abbandonare anche questo, poi più per dispiacere (problemi mentali miei xD) che per altro l'ho portato a termine.

In breve, i protagonisti, Richard e sua moglie Leslie, sono alla guida di un biplano, ma improvvisamente si trovano ad affrontare uno strano viaggio in cui ripercorreranno tappe della loro vita passata. Sotto di loro c'è un'intricata rete di strade che rappresentano il loro passato, presente e tutti i possibili futuri. Entrambi cercheranno di avvisare i loro stessi più giovani per evitare che commettano i loro stessi errori. 

La trama potrebbe anche essere accattivante, ma è scritto in modo veramente pesante e si fa davvero fatica ad andare avanti. Un piccolo libricino che mi sono trascinata dietro per oltre una settimana e che vi consiglio solo se amate libri di genere filosofico, altrimenti lasciate perdere.



2 commenti:

  1. Se nella tua vita ti fosse capitato Di Vivere un'esperienza del genere (magari in versione piu negativa, tanto x cambiare no..) non credo che faresti tanto la sprezzante con qcosa di coraggioso nel voler esplorare un tema abb importante come quello di una vita intera e del suo "destino", oltretutto scritta da chi un vero scrittore non è .. Ma immagino che non potendo capire, non si possa fare neanche una vera critica . Era giusto tu lo sapessi . Gajira Norimaki)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa il ritardo, ma non mi arrivano le notifiche dei commenti purtroppo. Comunque io ho semplicemente espresso il mio parere come faccio sempre con tutti i libri che leggo. Nessuno ha offeso nessuno e nessuno ha criticato, ti sei offesa tu non capisco per quale motivo.

      Elimina

Commentando con un account Blogger o Google+ viene inserito il link al proprio profilo